Batteriologia

L’esame Batteriologico Colturale prevede l’utilizzo di:

Terreni Liquidi - passaggio da soluzione limpida ad una torbida. Rappresentano un arricchimento della coltura batterica.

Terreni Solidi - permettono la formazione di colonie (piastre di agar, selettive, non selettive, indicatrici: agar sangue, cioccolato, McConkey, ecc.).

Per permettere la crescita dei batteri, tutti i terreni vengono incubati a 37° C per 24-48 ore, in condizioni di aerobiosi, anaerobiosi e microaerofilia (CO₂ 10%), a seconda del metabolismo proprio del tipo di batterio che si ricerca.

Identificazione batterica (genere) - suggerita dall’uso ragionato dei terreni va confermata e completata (specie) con test biochimici (utilizzo metabolico di substrati per la crescita). A volte l’identificazione batterica può essere confermata e completata con test immunologici.

Antibiogramma - per suggerire una efficace terapia ed un uso responsabile dell’antibiotico per la prevenzione ed il controllo dell’antibiotico-resistenza.

Buone festività

Tanti auguri

Nasce la Società Italiana delle Scienze Forensi Veterinarie

La sottoscrizione dell'atto costitutivo il 25 settembre 2020, presso il Comune di Amalfi

Chiusura estiva

Il laboratorio resterà chiuso dal 10 al 23 agosto